meteo

PARCO NAZIONALE DEL CILENTO

alternate text

Il Parco nazionale del Cilento, 180.000 ettari (36.000 nella provincia di Salerno), dal 1998 è Patrimonio dell'umanità dell'Unesco e dal 1997 è Riserva della biosfera. Terra dalle dolci morfologie collinari, ricoperte da distese di ulivi verde cenere che si rispecchiano nel blu del Tirreno e, allo stesso tempo, terra dalle morfologie molto aspre profondamente incise da vivaci torrenti, raie dall'aspetto lunare, boschi di castagni e di lecci, paesi abbarbicati alle rocce o adagiati sulle rive. Fauna e flora molto ricche, 1800 specie diverse di piante autoctone spontanee. La più nota di queste è la Primula di Palinuro che è anche il simbolo del Parco.

Vai al sito ufficiale del Parco Nazionale del Cilento





SCAVI DI VELIA

Elea è un'antica città della Magna Grecia, denominata Velia in epoca romana. Gli scavi, vicini alla ferrovia e non lontani da Ascea Marina, sono visitabili tutti i giorni. Dell'antica città restano l'Area Portuale, Porta Marina, Porta Rosa, le Terme Ellenistiche e le Terme romane, l'Agorà, l'Acropoli, il Quartiere Meridionale e il Quartiere Arcaico.






PAESTUM

alternate text

Si trova nel comune di Capaccio, a circa 30 chilometri a sud di Salerno (97 km a sud di Napoli). La città fu fondata verso la fine del VII secolo a.C. da coloni Greci con il nome di Poseidonia. Particolarmente importanti sono i tre grandi templi, due di ordine dorico, e uno di ordine dorico e ionico, che costituiscono alcuni dei migliori esemplari di questi stili: il Tempio di Hera, il Tempio di Nettuno e il Tempio di Athena. Altre parti visitabili sono il Foro, l’Agorà, l’Anfiteatro romano, le Mura (lunghe 4,75 km e dotate di 28 torri), le quattro porte romane: Porta Marina (ovest), Porta Aurea (nord), Porta Sirena (est), Porta Giustizia (sud). Esternamente alla cinta muraria sono state rinvenute numerose necropoli Paestum è anche località balneare dotata di una spiaggia sabbiosa, lunga 12 km, costeggiata da una pineta affacciata sul mar Tirreno.






CERTOSA DI SAN LORENZO

alternate text

Conosciuta anche come Certosa di Padula, è la più grande certosa in Italia, nonché tra le più famose, ed è situata a Padula. La parte principale della Certosa è in stile Barocco ed occupa una superficie di 50.500 m² sulla quale sono edificate oltre 320 stanze. Il monastero ha il più grande chiostro del mondo (circa 12.000 m²) ed è contornato da 84 colonne. Secondo la regola certosina che predica il lavoro e la contemplazione, nella Certosa esistono posti diversi per la loro attuazione. I monaci producevano, vino, olio di oliva, frutta ed ortaggi.






PALINURO

Nota località turistica grazie alla qualità delle acque (Bandiera Blu diversi anni), l’Arco Naturale (formazione rocciosa ad arco) e numerose grotte marine, tra cui la famosa Grotta Azzurra, molto apprezzate dai subacquei.